DOCENTI - Bruno Raspini, violino, viola e musica d'assieme



bruno.raspini@hotmail.it

Bruno Raspini,

nato a Cuneo nel 1990, si diploma al Liceo Artistico della stessa città nel 2009.

Dopo il Liceo prosegue gli studi umanistici laureandosi in Beni culturali archeologici e storico artistici (2013) e, con il massimo dei voti e la lode, in Storia dell’arte (2020) presso l’Università di Torino.

Parallelamente al liceo ed all’Università studia violino con Alberto Pignata e Bruno Pignata diplomandosi, con il M.° Umberto Fantini, al conservatorio "Giuseppe Verdi" di Torino nel settembre 2014. Presso il Conservatorio torinese consegue, nel 2019, il Diploma Accademico di II Livello (perfezionandosi in repertorio solistico) sotto la guida di Giacomo Agazzini e i 24 CFA pre-fit per l’insegnamento nella scuola secondaria.

Da sempre molto interessato alla musica antica intraprende, a partire dal 2012, lo studio del violino barocco e della prassi musicale antica con i proff. V. Losito, L. Mosca, E. Gatti e R. Spotti con la quale consegue il Diploma Accademico di I Livello in Violino Barocco presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano nel 2017.

Nel 2016 è ammesso ai corsi di altro perfezionamento orchestrale di musica barocca e pre-classica dell’Accademia Montis Regalis di Mondovì (unico violinista italiano quell’anno). Nello stesso anno è selezionato per l’orchestra Nazionale barocca (sedi di Novara e Roma). Riconfermato nella Nazionale Barocca 2017 prenderà parte alle produzioni tenutesi a Urbino, Palermo e Roma.

Nel corso degli anni ha frequentato numerosi seminari, masterclass e corsi estivi di perfezionamento, soprattutto nell’ambito della musica barocca, con alcuni dei più importanti musicisti a livello internazionale fra cui segnalano quelli/e con Sigiswald Kuijken, Federico Guglielmo, Enrico Gatti, Suzanne Sholz, Alain Gervreau, Ilario Gregoretto, Sergej Diatchenko, Donato Renzetti, Luigi Pagliarini, Davide Monti, Alberto Grazzi, Olivia Centurioni, Ophelie Gaillard, Tibaudh Noaly.

Come violinista ha suonato in numerose orchestre fra cui, in tempi recenti, L’orchestra sinfonica “Bartolomeo Bruni” della città di Cuneo, l’orchestra “Camerata Ducale” di Vercelli, il Collegium Theatrum Sabaudiae, “Mignon Ensemble” di Milano, Orchestra da camera “Bartolomeo Polledro”, orchestra Filarmonica del Piemonte, Orchestra Sinfonica di Bordighera.

In qualità di violinista barocco ha suonato in diverse formazioni su strumenti antichi fra cui “Gli Invaghiti”, “Antico Incanto”, ensemble “Salomone Rossi”, “I Giovani della Montis Regalis”, “I Musici di Santa Pelagia”, “Il Teatro Armonico” (Vicenza), Academia Montis Regalis,  Orchestra Barocca di Torino, Caecilia Consort, Ensemble Didone Abbandonata ed è membro fondatore dei gruppi “Aurea Armonia” e “Accademia Eridana” con i quali ha all’attivo decine di concerti e importanti collaborazioni.

Ha suonato in qualità di solista con l’Orchestra “B. Bruni” di Cuneo e con l’orchestra Giovanile di Ivrea.

Ha inciso per Halidon, Brilliant Classics, Elegia Record e Da Vinci Classic importanti registrazioni discografiche tra cui l’integrale dei concerti per organo di A. Vivaldi, l’integrale dei concerti per archi di A. Vivaldi (box 4 cd Brilliant Classic), musica lombarda del ‘600.

Attivo anche in altri ambiti musicali ha registrato CD di musica Liscio per la “musica e dintorni” e di musica occitana.

 

Esperienze lavorative, pubblicazioni, conferenze, curatele. 

Dal 2008 è membro del comitato organizzatore del concorso musicale "Alpi Marittime - Città di Busca" mentre dal 2011 al 2016 ha collaborato con l'associazione culturale "Marcovaldo" in qualità di guida turistica presso i siti dell’associazione proseguendo poi con le stesse mansioni per l’Associazione Castello del Roccolo.

Nel 2018 è autore di un capitolo e cinque schede tematiche nel volume “Scambi artistici tra Torino e Milano” curato da Alessandro Morandotti e Gelsomina Spione ed edito da Scalpendi Editore di Milano.

Intensa è la sua attività di ricerca sul barocco piemontese e sulle Confraternite in età post- conciliare; attività che lo ha portato a tenere conferenze per i Volontari dell’Arte delle Diocesi di Cuneo, Fossano e Saluzzo.

È stato curatore delle mostre “Noi dell’Artistico” (Sala consigliare Municipio di Busca, Giugno 2008), “Tesori Sacri. Opere dalle chiese buschesi per i 300 anni dalla posa della prima pietra della Chiesa Parrocchiale” (Confraternite e Parrocchia di Busca 7-22 Ottobre 2017) e delle rassegne musicali “Classica al Roccolo” (2012), (castello del Roccolo), “Galuperie Musicali 2017” (Castello della Manta), “Passeggiata Organistica 2016” (Busca), “Passeggiate musicali 2017” (Busca), “Antiche Cappelle musicali 2019” (Busca).

Nel 2019 è responsabile della “Lunga Notte delle Chiese 2019” per la Confraternita della Santissima Annunziata di Busca. Dal 2019 fa parte del comitato per il recupero della cappella di San Quintino di Busca.

 

Esperienza didattica.

Dal 2009 al 2014 è assistente del prof. A. Pignata durante i corsi estivi di musica “Montagna in Musica” tenutisi presso la colonia provinciale “Gen. G. Giraudo” di S. Anna di Valdieri; dal 2015 diviene insegnante di violino dei detti corsi. La sua presenza a “Montagna in Musica” in veste di insegnante continua tuttora.

Nell’a.a. 2010/2011 ricopre l’incarico di Maestrino e collaboratore del prof. A. Pignata presso l’istituto musicale “A. Vivaldi” di Busca dove lavora con bambini delle scuole elementari.

Dal 2014 insegna violino e propedeutica musicale presso il Civico Istituto Musicale “A. Vivaldi” di Busca; la sua classe partita con tre allievi è arrivata a contarne, nell’a.a. 2017-2018, ben sedici.

Dall’a.s. 2019/2020 è docente di musica presso la scuola media salesiana “San Domenico Savio” di Bra (CN).